Cosa è il Jihad

di Giovanni De Sio Cesari

PREMESSA

Nell’immaginario occidentale il termine di  “guerra santa” corrisponde subito a quello di kamikaze, attentatore suicida che semina intorno a se morti innocenti  

In realtà  i due termini non esistono nell’ambito islamico: ciò che noi chiamiamo “guerra santa” corrisponde a jihad (sforzo) mentre al  kamikaze corrisponde  quello di  shaid  (  martire).e non è affatto vero affatto che il termine jihad  implica necessariamente quello di  shaid.

 La confusione nella  corrispondenza dei  concetti, tuttavia, per quanto possa sembrare strano, non è solo dell’Occidente ma è anche molto ampia anche nello stesso mondo islamico. Fino agli anni 80 questi termini erano ormai desueti e quindi il ritorno a questi antichi concetti con significati e coloriture nuove  creano non pochi equivoci  agli stessi  islamici

Si impone quindi una puntualizzazione del significato dei due termini  del loro evolversi negli ultimi 30 anni .

 

IL JIHAD PACIFICO

 Il termine arabo coranico Jihad significa propriamente “sforzo”: talvolta nel corano è usato  nel significato di sforzo interiore per adeguarsi alla volontà di Dio e talvolta in quello di  sforzo bellico.

I due significati appaiono a una prima impressione del tutto in contrasto ma  ad un esame più attento essi sono invece  strettamente connessi.

Infatti il  jihad è lo sforzo di abbandonarsi alla volontà di Allah ( che è il significato proprio del termine arabo di “Islam”), di seguire cioè la legge che Allah ha dato agli uomini tramite il profeta Muhammed. Essa può essere seguita nel fare l’elemosina, il pellegrinaggio e le tante altre prescrizione ma può anche realizzarsi nella difesa armata dell’Islam stesso: bisogna seguire la volontà di Dio anche se questa può portare al sacrificio della vita.

 In realtà il concetto si ritrova anche nel cristianesimo primitivo ( e anche moderno): il cristiano segue la via indicata dal Signore (nella carità, nella preghiera  ecc)  anche fino a perdere la propria vita per testimoniare la propria fede ( in greco: martire, cioe testimone) che diviene una via privilegiata, più diretta e intensa.  Analogamente il mussulmano ritiene che l’uomo che perde la vita per difendere la propria religione sia un testimone della fede ( shaid in arabo ha lo stesso significato del termine martire in greco ). Vero è che il cristianesimo parla  di un martire disarmato e non di un guerriero mentre invece l’islam allude proprio  a un combattente in una guerra difensiva che diviene  poi anche offensiva nella difficoltà  pratica della distinzione: tutta la prodigiosa espansione dell’islam dei primi tempi viene presentata come una guerra difensiva  mentre  in realtà  fu la conquiste di  nuove terre all’islam. perchè  l’islam ha avuto fin all’inizio una connotazione bellica . Si noti pero che se i cristiani dei primi secoli  si offrirono al martirio ( testimonianza) senza opporre nessuna resistenza,  una volta che  si costitui una società cristiana  si accettò anchela  necessita della difesa e con il tempo  il cristianesimo medioevale assunse  caratteri guerreschi (icavalieri,  crociate, ordini  monastico-cavallereschi,).

 Il jihad, quindi, oltre che essere uno sforzo interiore per la propria perfezione. si  può manifestare come  sforzo per difendere e anche diffondere la fede. Tuttavia questo non significa affatto  che il Jihad debba risolversi solamente in una azione di carattere bellico e violento.

 Il jihad infatti può esprimersi innanzi tutto nella apologetica dell’islam e nella diffusione del  suo credo e dei suoi principi  in modo  pacifico. in quello che noi definiremmo “apostolato”. Come quello cristiano, esso può essere rivolto sia  verso i fedeli stessi per rafforzare e approfondire la fede,  sia verso i non credenti per conquistarli alla vera fede. Pertanto i centri studi ,le biblioteche ,i giornali, la predicazione itinerante, i siti internet, radio e TV   e ogni altro mezzo di comunicazione  possono realizzare il Jihad.

 In particolari i centri islamici, in genere raccolti intorno alle mosche, hanno grande importanza e affiancano alle attività propriamente religiose attività educative e anche   assistenziali  analogamente a quanto avviene per le parrocchie cattoliche. In tal modo si radicano profondamente nel popolo: il successo e la forza di organizzazione come  i Fratelli Mussulmani  derivano essenzialmente dalle attività  di assistenza capillare che svolgono  fra la gente  più povera analogamente al modo tradizionale di operare dei conventi cattolici che offrirono sempre almeno una scodella di cibo ai  bisognosi.

  Chiaramente le democrazie  occidentali considerano del tutto lecito  questo modo di intendere  il Jihad  perchè conforme ai propri principi  di libertà individuale e di espressione delle idee  anche se molti lamentano che non vi sia reciprocità in quanto nel paesi islamici non è possibile svolgere attività del genere ai cristiani.

 Il jihad è anche resistenza alla invadenza delle idee moderne considerate  immorali, prima fra tutte le permissività  sessuale  o l’uso di alcool: l’uso richiesto del jihab ( velo islamico) è un segno di resistenza  a una cultura considerata lesiva di principi morali. In effetti anche le autorità religiose cristiane sostengono una resistenza a certi aspetti della cultura moderna ( talvolta in sintonia sostanziale con quelle islamiche) e questo fatto è considerato assolutamente legittimo: nessuno definirebbe  il papa un sovversivo perchè condanna le unioni gay, i i rapporti   extraconiugali, l’aborto ecc.

 

IL JIHAD VIOLENTO  

Il problema naturalmente sorge quando il Jihad assume la forma di lotta armata o comunque violenta.

 Ma anche il jihad violento e guerresco non è certamente tutto riconducibile all’attentato suicida. Esso può assumere la forma di una rivoluzione popolare: è questo il caso dell’Iran del 1979.

La sollevazione contro lo scià fu in realtà un movimento generale di tutta ,o quasi tutta, la popolazione, si trattò di una vera e propria rivoluzione popolare, molto di più di quanto lo fossero quella francese o russa che furono pur sempre espressioni di una minoranze ,sia pure consistenti. Sostanzialmente la rivoluzione fu pacifica: masse oceaniche di popolo dimostrarono contro lo scià affrontando senza armi polizia ed esercito, fino a che questi ultimi, di fronte alla manifestazione di una volontà cosi generale, abbandonarono ogni tentativo di repressione e lo scià fu costretto alla fuga.

 Il fondamentalismo islamico dell’ayatollah Khomeini usci poi vincitore di fronte alle altre componenti dell’opposizione allo scià, e quindi tutto il movimento fu presentato a posteriori  come un jihad: una guerra di difesa contro il governo dello scià, che non era più considerato legittimo perché contrario ai principi dell’Islam, ed emanazione del “grande satana” (come fu definita l’America in quanto espressione di un mondo senza Dio, non di un mondo cristiano).

 Subito dopo, il jihad prese l’aspetto di una guerra regolare, una delle poche guerre regolari dei nostri tempi: la guerra tra Iraq e Iran. L’Iraq di Saddamm Hussein attaccò nel 1979 l’Iran, confidando in un facile successo per il caos regnante in Iran dopo la caduta dello scià; invece l’Iran reagì con forza, bloccò l’attacco e passò quindi a un contrattacco. La guerra duro otto anni, costò forse un milione di morti e fu presentata da parte iraniana come un jihad contro il regime di   Saddam Hussein inteso  come espressione del laicismo di derivazione occidentale ed abbandono del “vero” islam, Quindi, si disse, guerra di difesa contro “il piccolo satana”, emanazione del “grande satana” che restavano gli Stati Uniti.

  Il jihad prese invece l’aspetto di una guerriglia in quegli stessi anni in Afghanistan: l’intervento sovietico in appoggio al regime comunista scatenò una lunga e sanguinosa rivolta, propriamente una guerriglia, che ebbe l’appoggio di tutto il mondo islamico e anche degli USA. Nel 1989 l’Unione Sovietica si ritirò dall’Afghanistan, per un radicale cambio di indirizzo politico ad opera di  Gorbaciov; qualche anno dopo poi si dissolse la stessa Unione Sovietica. I combattenti islamici tuttavia considerarono il ritiro sovietico esclusivamente dovuto alla loro lotta, ritennero quindi di aver sconfitto l’URSS ed anzi ebbero l’impressione che la sua stessa dissoluzione fosse dovuta sostanzialmente alla loro vittoria.

  Il jihad cominciò ad assumere la forma del terrorismo nell’ambito dell’infinito conflitto arabo-israeliano soprattutto all’inizio nella crisi del libano. Non che il Jihad  vi introdusse  il terrorismo: esso era ormai una forma di lotta adottata  dai Palestinese  da quando nella guerra “dei sei giorni”  nel 67 gli eserciti arabi erano stati rovinosamente sconfitti dagli israeliani e non si vedeva alcuna possibilità di affrontare ancora  gli israeliani con una guerra convenzionale. Ma negli anni 80 la lotta  palestinese comincio ad  assumere  una caratterizzazione  religiosa, divenne cioè anche essa un  Jihad mentre era stata negli anni precedenti intesa come una lotta di liberazione senza particolari connotazioni religiose: anzi,  spesso gli attentatori erano  cristiani che costituivano una minoranza importante nell’ambito dei palestinesi arabi e del relativo Movimento di liberazione.

 In Libano però si innesta anche il fenomeno degli attentatori suicidi. Il fenomeno  aveva avuto il suo  diretto precedente nella guerra regolare iraq -Iran: fra gli iraniani, nell’ambiente dei pasdaran (i guardiani della rivoluzione), fedelissimi di Khomeini, si formarono squadre di giovanissimi chiamati basiji (“quelli che si radunano”), pronti a immolarsi nella prospettiva del jihad. Sarebbe occorso secondo il diritto islamico il permesso dei rispettivi padri, ma l’ayatollah Khomeini affermò di essere il padre di ogni credente e concesse il permesso egli stesso a tutti. Quando bisognava avanzare contro gli iracheni, protetti da campi minati, venivano chiamati i basiji; questi si accalcavano a volte persino in numero eccessivo, e scoppiavano delle risse per poter partecipare all’azione.

 I ragazzi si stringevano alla fronte un nastro, su cui erano scritti dei versi del corano, ed avanzavano cantando sui campi minati trovando la morte saltando sulle mine: dietro di essi avanzavano poi i soldati regolari iraniani. Il fatto destò orrore in Occidente, ma nell’Iran di Khomeini questi giovani furono onorati e grande prestigio si riversava anche sulle loro famiglie: per essi si ricominciò a parlare di shaid ( termine ormai desueto anche nell’ambito islamico), si parlò del fatto che sarebbero stati assunti immediatamente in paradiso  accolti da uno stuolo di Uri ( le fanciulle dei grandi occhi di cui parla il Corano e la tradizione islamica).

 I “basiji” tuttavia  si immolavano in una guerra regolare contro eserciti nemici schierati: non erano nemmeno dei combattenti  veri e propri, non portavano armi, non uccidevano, semplicemente si sacrificavano per aprire la strada ai soldati regolari.

 Ma in Libano e Palestina il fenomeno dei basiji si incontra con  il metodo di guerra del terrorismo  e i due fenomeni ben distinti  prima si unificarono: parve che gli attentati  sarebbero stati ben più efficaci e  devastanti se gli attentatori fossero stati  disposti  a morire anche essi In effetti la conseguenze furono veramente efficaci: è molto più facile effettuare un attentato se non bisogna preoccuparsi di salvare la propria vita.

 Il primo esempio clamoroso  fu l’attentato  in Libano contro le  forze americane: nell’ottobre del 1983 un furgoncino guidato da un attentatore suicida  esplose all’’interno di un caserma americana causando la morte di 241 soldati. La pratica dagli ambienti sciiti del libano si è diffusa fra i palestinesi e in  tutto il mondo islamico. 

 E’ apparso alle fazioni estremiste    una grande e decisiva  arma per combattere i nemici che non si riesce ad affrontare in campo aperto. La  convinzione fondamentale dei terroristi islamici è che essi vinceranno, perché i propri combattenti non temono la morte mentre i loro avversari vogliono solo salvare la propria vita. Lo shaid è l’esempio proprio di questa disparità morale che permetterebbe all’Islam di vincere la sua guerra contro gli infedeli: il coraggio sorretto dalla fede vince contro tutte le tecnologie: è una idea esaltante per chi non ha le armi per combattere una causa che egli ritiene giusto.

Una certa parte dell’islam (al qaeda. IS )   ritiene che i regimi moderati , retti dalle elites  culturali più o meno imbevute di cultura occidentale,  di destra o di sinistra non fa grande  differenza, debbano essere rovesciate per essere sostituite da regimi integralisti islamici ( emirati): essi individuano poi nell’Occidente in generale e negli Usa in particolare non solo la fonte culturale  della degenerazione dell’Islam ma anche il sostegno politico e militare di tali corrotti regimi. Individuano pertanto negli Usa e nell’Occidente in generale  il vero nemico da abbattere: ma essi non dispongono certo di eserciti in grado di affrontare quelli occidentali. E’ nato quindi del tutto naturale l’idea che il terrorismo avrebbe creato tanta paura nei  fiacchi, deboli e non motivati occidentali, troppo immersi nei vizi e nelle  comodità  materiali per  avere il coraggio di reagire.

In questo orizzonte spirituale sono maturati  gli attentati contro gli occidentali  culminati in quelli dell’11 settembre.

 Solo allora il mondo occidentale ma in parte, giova ancora  notarlo, lo stesso mondo islamico ha scoperto gli shaid, ha connesso strettamente l’attentato  suicida e la guerra santa , il jihad e lo shaid.  In realtà,  come abbiamo mostrato, i due concetti sono ben distinti: solo occasionalmente essi si sono  incontrati : il jihad non è affatto solo la violenza bellica e questa comuque non si riduce al terrorismo .

 

Conclusione

 

Tuttavia nella storia  quello che è percepito  è più importante di quello che è nella realtà, particolarmente poi  in un mondo globalizzato in cui predominano i mass media con le loro terribili semplificazioni.

 Ormai ogni  mussulmano particolarmente  pio appare come un potenziale attentatore suicida: ogni centro islamico un covo di estremisti. Pochi in Occidente hanno la capacità o anche la voglia di distinguere un jihad  pacifico da uno violento, un credente molto pio da uno disposto a diventare un assassino  : la conseguenza è che almeno per una generazione non solo l’integralismo ma tutto in generale l’islam è caduto in sospetto in tutto il mondo.

 In una  lettera aperta  diffusa l’intellettuale pakistano S.A.Rehman di fede mussulmana rivolto a Bin laden e ai suoi seguaci chiedeva :

 “sapete quale grado di biasimo, di  abominio, di  miseria, di debolezza si è venuto a rovesciare sugli innocenti e pacifici mussulmani  in tutto il mondo  per il vostro cosi detto Jihad ?”

  Come dargli torto?

 

 

 

 

 

Annunci